Accusato di avere rubato un portafogli in tabaccheria, prosciolto empedoclino




Il giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Rosanna Croce, accogliendo le conclusioni degli Avvocati Luigi Troja ed Irene Eballi, ha prosciolto, ritenendo il reato prescritto, Vincenzo Scibetta, 43 anni, operaio di Porto Empedocle.

In particolare, Scibetta era accusato di avere sottratto un portafogli sbadatamente lasciato incustodito da un avventore all’interno di una tabaccheria.

L’uomo a cui era stato sottratto il portafogli si era rivolto alla locale Stazione dei Carabinieri, i quali attraverso le telecamere della videosorveglianza poste all’interno ed all’esterno della tabaccheria erano riusciti a risalire all’empedoclino anche per mezzo dell’autovettura dallo stesso condotta.

La difesa con l’Avv. Luigi Troja e con l’Avv. Irene Eballi ha sempre sostenuto che le videocamere non hanno mai ripreso la materiale sottrazione del portafogli e che in ogni caso l’uomo ritratto non fosse Vincenzo Scibetta, quanto piuttosto un uomo rassomigliante.

Poiché il fatto era invece risalante al luglio 2008, il Tribunale di Agrigento ha prosciolto in ogni caso l’uomo con la formula però della prescrizione.