Agrigento lotta ma non vince, coach Ciani: “Abbiamo tirato fuori tutto quello che avevamo”




E’ la Fortitudo Bologna ad accedere ai quarti di finale dei play ogg. Agrigento lotta fino all’ultimo ma vincono gli ospiti. La serie finisce al PalaMoncada, con gli uomini di coach Pozzecco che vincono con il risultato di 71 a 74.

Partono forte la Fortitudo Bologna, avvio sontuoso. Agrigento alza la testa e lo fa con i canestri di Penny Williams. Cinciarini e Mancinelli fanno le fortune di Bologna e gli ospiti chiudono il primo periodo di gioco avanti: 16-21.

Il secondo periodo di gioco si apre l’assist di Cannon per Williams che riapre di fatto la partita – 3. Sorpasso Fortitudo, assist di Guariglia che tenta la tripla ma sbaglia, ci pensa Cannon + 1 Agrigento. Azione pregevole di Ruben Zugno che in volata supera in uno contro uno Okereafor e va a canestro + 7 Agrigento. Coach Ciani chiama dentro Ruben, tre falli per lui, sul parquet Simone Pepe. E’ proprio lui ad accendersi ed a trovare una tripla: 37-28.

Il terzo periodo di gioco, si apre con un errore di Pepe, palla alla Fortitudo Bologna e canestro facile. Cannon fa a sportellate e  spinge avanti Agrigento. Bolgona torna sul parquet convinta, poche sbavature e margine ridotto: 45-43 ad opera di Cinciarini.

Coach Ciani chiama dentro Zilli per Guariglia e Evangelisti per Zugno. E’ Rosselli a portare i suoi sul 45-45, ma poi Ambrosin fissa ancora il +3. Fallo tecnico alla Fortitudo Bologna, coach Pozzecco espulso lascia la panchina. Agrigento ritrova le forze e si porta sul 53-45. Amici torna al canestro, i biancazzurri vengono puniti con 4 falli di Ruben Zugno. Il terzo periodo di gioco è, però, opera dei biancazzurri: 58-52

Nell’ultimo periodo di gioco, errori da ambedue le parti. Gli ospiti aumentano l’intensità e tornano in partita, è Amici a schiacciare e Rosselli porta via Bologna + 2. Sono ancora gli ospiti a fare meglio, con Mancinelli che porta la Fortitudo Bologna a + 5. Agrigento si affida ancora a Simone Pepe che tenta il canestro della disperazione. Gli ospiti sono attenti, Ambrosin imbuca il canestro ma non è buono. Si gioca fino all’ultimo secondo, la Fortitudo Bologna chiude gli spazi e la serie:3 a 0.  Finisce tra gli applausi la post season della Fortitudo Agrigento.

Franco Ciani: “C’è il rammarico d’essere usciti pur con la consapevolezza che la Fortitudo Bologna è una delle migliori squadre del campionato. Dall’altro lato, per quello che i ragazzi hanno fatto in Gara 2 e Gara 3, meritavamo di giocare Gara 4. Non ci siamo arrivati anche per una serie di episodi che purtroppo non ci hanno sorriso. E’ stata una serie Play off di grande impegno, abbiamo tirato fuori tutto quello che avevamo”.

TABELLINO

Moncada Agrigento – Consultinvest Bologna 71-74 (16-21, 25-12, 17-19, 13-22)

Moncada Agrigento: Pendarvis Williams 17 (5/9, 1/5), Jalen Cannon 14 (7/7, 0/1), Simone Pepe 12 (2/4, 2/7), Lorenzo Ambrosin 8 (1/4, 2/2), Tommaso Guariglia 6 (3/6, 0/2), Ruben Zugno 6 (3/4, 0/1), Marco Evangelisti 5 (1/3, 0/5), Isacco Lovisotto 2 (1/1, 0/2), Giacomo Zilli 1 (0/0, 0/1), Giuseppe Cuffaro 0 (0/0, 0/0), Luca Savoca 0 (0/0, 0/0), Giuseppe Magro 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 10 / 12 – Rimbalzi: 37 11 + 26 (Jalen Cannon 11) – Assist: 11 (Jalen Cannon, Ruben Zugno 3)

Consultinvest Bologna : Stefano Mancinelli 20 (7/14, 1/2), Teddy Okereafor 13 (1/1, 3/8), Guido Rosselli 12 (3/5, 1/3), Daniele Cinciarini 10 (5/7, 0/3), Alessandro Amici 9 (2/5, 1/4), Giovanni Pini 5 (2/3, 0/0), Luca Gandini4 (2/3, 0/0), Nazzareno Italiano 1 (0/1, 0/1), Robert Fultz 0 (0/1, 0/0), Demetri Mccamey 0 (0/0, 0/0), Marco Montanari 0 (0/0, 0/0), Marco Murabito 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 12 / 23 – Rimbalzi: 29 7 + 22 (Stefano Mancinelli 9) – Assist: 14 (Guido Rosselli 8)