Ambiente: inquinamento acque, blitz e sequestro in tre oleifici agrigentini




Il Corpo forestale regionale, la Capitaneria di porto, la Guardia di finanza e i carabinieri, su ordine della Procura della Repubblica di Agrigento, hanno eseguito undici accessi a oleifici, sequestrato tre impianti e iscritto nel registro degli indagati cinque persone per inquinamento delle acque.

“Nonostante l’impegno delle forze di polizia – afferma il procuratore Luigi Patronaggio – si sono registrati ulteriori allarmanti episodi di inquinamento delle acque, per i quali sono in corso indagini volte a identificarne gli autori. Per la prossima campagna di molitura delle olive e’ al vaglio dell’Ufficio l’attivazione di specifici e mirati servizi preventivi volti a scongiurare i fenomeni di inquinamento”.