Armi illegali, a processo il “vivandiere” di Gerlandino Messina e lo zio




Calogero Bellavia

Il Pm di Agrigento, Andrea Maggioni, ha chiesto e ottenuto il giudizio immediato saltando, quindi, l’udienza preliminare per Antonio e Calogero Bellavia, zio e nipote di 44 e 27 anni, entrambi di Favara, finiti in carcere il 13 giugno con l’accusa di detenzione e porto illegale di arma clandestina e munizioni e di ricettazione.

I difensori, gli avvocati Salvatore Pennica e Maria Alba Nicotra, dovranno adesso scegliere con quale rito (dibattimento,
abbreviato o patteggiamento ma per quest’ultimo serve il consenso della Procura) definire la vicenda.

Lo scorso 25 settembre sono stati eseguiti degli accertamenti tecnici sulle armi al laboratorio del Ris di Messina. I reagenti chimici hanno consentito di ricostruire quasi interamente il numero di matricola di una”Smith e Wesson” che era stato abraso. La Taurus, invece, secondo quanto era stato accertato in precedenza era stata rubata nel 2010 a Carmelo Nicotra, il
trentaquattrenne ferito in un agguato il 23 maggio a Favara e per il quale gli stessi Bellavia risultano indagati.
Calogero Bellavia è il vivandiere del boss Gerlandino Messina, il giovane che i carabinieri – su indicazione dei servizi segreti – hanno seguito mentre portava i pasti al capo provinciale di Cosa Nostra nel suo covo di Favara. Pedinandolo, il 23 ottobre del 2010, sono arrivati, a catturare il boss.