Canicattì, nuovo assessore della Giunta Di Ventura.




Ufficializzata, stamani, la nomina del nuovo assessore della Giunta Di Ventura.
Il sindaco, infatti, ha riassegnato le deleghe dopo le dimissioni del prof. Vincenzo
Di Natali. Il nuovo assessore all’Ambiente è il signor Palermo Umberto, cui è stata attribuita la delega ai seguenti servizi ed attività:
Ambiente, gestione rifiuti e bonifica, tutela del suolo e delle acque, randagismo, salute pubblica, protezione civile e sportello amico.
Rimodulati i servizi assegnati agli altri componenti della Giunta Comunale:
la prof.ssa Katia Giuseppina Giovanna Farrauto, assessore alle risorse sportive e culturali ha avuto delega alla pubblica istruzione e formazione, confermate quelle ai beni ed attività culturali, strutture ed attività sportive, fondazione per lo sport, promozione turistica, eventi e spettacoli, rapporti con le associazioni ed il volontariato;
l’arch. Massimo Muratore, assessorato allo sviluppo territoriale, con delega ai seguenti servizi ed attività: urbanistica ed assetto territoriale, lavori pubblici, centro storico,verde pubblico, decoro urbano, mobilità urbana, infrastrutture, viabilità, servizi cimiteriali, politiche energetiche, marketing territoriale, agenda digitale e sistemi informativi territoriali, rapporti con il Consiglio Comunale;
il dr. Davide Lalicata, assessore allo sviluppo economico e sociale, ha delega alle attività produttive:agricoltura, commercio, artigianato, manifatturiero e terziario; solidarietà ed inclusione sociale, politiche a favore della famiglia, dei minori e dei disabili, politiche per l’integrazione interculturale e per le pari opportunità, partecipazione e consultazione cittadina;
il dr. Tommaso Vergopia, assessorato alle risorse finanziarie con delega al bilancio, finanze, affari generali, personale, programmazione europea, società partecipate, tributi, servizi demografici, patrimonio comunale, controllo di gestione e spending review.
Il nuovo assessore ha prestato giuramento dinnanzi al sindaco e al segretario generale, dr. Domenico Tuttolomondo.
Palermo ha scelto di mantenere anche la carica di consigliere comunale, così come permette la vigente normativa.