Canicattì, sequestrati 150 capi contraffatti: donati al “Centro Aiuto alla Vita”




Guardia di Finanza: Operazione a tutela del consumatore, sequestrati elettrodomestici “insicuri”

La Tenenza della Guardia di Finanza di Canicattì ha donato, su autorizzazione dell’autorità giudiziaria, circa 150 capi di abbigliamento tra giubbini, scarpe e borse sottratti al mercato della contraffazione nel corso delle recenti attività di indagine a contrasto della contraffazione.

Le Fiamme Gialle, considerato che l’enorme quantitativo di materiale sarebbe andato distrutto, hanno chiesto la possibilità di devolvere in beneficenza gli articoli sequestrati.

Il Tribunale di Agrigento, accolta l’istanza e rilevata l’effettiva esigenza ed il sicuro utilizzo a fini umanitari della merce confiscata, ne ha disposto la devoluzione, previa rimozione dei marchi distintivi.

L’iniziativa della Guardia di Finanza di Canicattì, si pone nel variegato quadro del costante impegno del Corpo a favore della collettività ove, a fianco alla lotta ad ogni forma di criminalità economico-finanziaria, trovano spazio diverse iniziative benefiche volte ad assicurare la vicinanza del Corpo ai più bisognosi in nome di una maggiore giustizia ed equità sociale.