Casa della Speranza, sospeso il servizio di trasporto gratuito: il Comune non paga la ditta, proteste dei genitori




Da ieri, i ragazzi diversamente abili che frequentano Casa della Speranza ad Agrigento non possono più usufruire del servizio di trasporto gratuito perchè il comune non paga ormai da mesi e mesi la ditta incaricata.
Questo sta creando parecchi disagi in primis ai ragazzi ma anche ai familiari ed ai tutori.
I genitori dei ragazzi hanno protocollato questa mattina al comune di Agrigento una lettera con la quale chiedono il ripristino del servizio.

“Noi genitori e tutori dei ragazzi diversamente abili che frequentano Casa della Speranza siamo indignati dall’avvenuta sospensione del servizio di
trasporto avvenuto a partire da ieri – scrivono i genitori -. Non è assolutamente ammissibile che i ragazzi vengano privati di un così importante servizio quando invece, dovrebbero essere tra le priorità di questa amministrazione comunale.
Questo dimostra sicuramente una scarsa sensibilità degli amministratori nei confronti di coloro che invece dovrebbero essere tutelati da parte degli
enti preposti.
E’ inaudito, inoltre, non corrispondere alla ditta che si occupa del servizio, le somme dovute mettendo così in difficoltà non solo le famiglie dei
diversamente abili, ma anche quelle degli operatori che con grande dedizione hanno fatto in questi mesi enormi sacrifici”.

I genitori chiedono all’Amministrazione comunale il ripristino urgente del servizio e la risoluzione definitiva del problema “che mortifica l’ intera collettività agrigentina ed in particolare i ragazzi, costretti a rimanere a casa ed a rinunciare ai loro spazi ed ai loro momenti di aggregazione che condividono quotidianamente con gli operatori di Casa della Speranza”.