Controlli anti-immigrazione, il bilancio del Comando provinciale carabinieri di Agrigento




Durante la stagione estiva ed in particolare da Ferragosto in poi, sono state intense le attività di controllo e ricerca di migranti irregolari, svolte dai Carabinieri del Comando Provinciale, sia sul litorale costiero agrigentino sia sulle isole di Lampedusa e Linosa.

In totale, al momento, sono stati otto gli sbarchi improvvisi negli ultimi giorni, verificatisi fra Realmonte, Siculiana ma anche nel tratto di costa ricadente nel comune di Ribera.

Il dispositivo messo in campo dal Comando Provinciale ha visto l’impiego di numerose pattuglie delle Stazioni Carabinieri aventi competenza sulla fascia costiera, supportate dai Nuclei Operativi delle Compagnie di Agrigento e Sciacca. Infatti, in ogni sbarco verificatosi, le Stazioni Carabinieri hanno sempre garantito il primo intervento, venendo successivamente coadiuvate anche dalle altre Forze di Polizia, allertate dalla Centrale Operativa del Comando Provinciale Carabinieri di Agrigento.

Le ricerche espletate dai militari dell’Arma, svolte sia a terra sia con le motovedette operanti a Lampedusa, Linosa e Porto Empedocle, hanno consentito di rintracciare complessivamente oltre 150 migranti.

Nella giornata di ieri, intanto, si sono verificati due sbarchi, uno a Siculiana ed uno in località Piana Grande di Ribera; durante le ricerche, sono stati rintracciati venti magrebini e sequestrate due imbarcazioni utilizzate dagli immigrati.
Sull’ isola di Lampedusa (Ag), tra Giugno e fine Agosto, sono complessivamente avvenuti 45 sbarchi, con l’arrivo di oltre 1200 immigrati, mentre sull’isola di Linosa sono avvenuti n. 5 sbarchi, con l’arrivo di oltre 100 immigrati.

I migranti bloccati, dopo essere stati sottoposti alle operazioni di identificazione e foto-segnalamento, sono stati accompagnati presso l’ufficio immigrazione e successivamente trasferiti in varie strutture di accoglienza dell’isola. A seguito di ogni sbarco, inoltre, i Carabinieri hanno effettuato specifici sopralluoghi nelle aree interessate, che hanno consentito di rinvenire elementi utili al prosieguo delle indagini per contrastare lo specifico fenomeno.

Sotto il profilo investigativo, l’attività svolta nelle ultime ore dai Carabinieri ha consentito di effettuare due arresti a Ribera a carico di due individui ritenuti responsabili di “Favoreggiamento dell’immigrazione clandestina” ed un arresto ad Agrigento nei confronti di un tunisino che nonostante fosse stato già espulso, ha fatto rientro nel territorio italiano, mentre tutti gli altri migranti rintracciati sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per “Ingresso illegale nel territorio dello Stato”.