Estate sicura, Polizia al lavoro




Nella serata di ieri, 5 agosto 2017, personale della Polizia di Stato è stato impegnato su diversi fronti, specie nelle zone marittime di San Leone e Licata, dove in questo periodo si registra un notevole afflusso di turisti, ma anche di residenti, tale da rendere necessario la predisposizione di servizi volti a garantire la normale vivibilità e il decoro urbano.

Pertanto, anche nell’ambito di una strategia finalizzata al contrasto all’abusivismo commerciale e all’abuso di sostanze alcoliche, personale della Polizia di Stato di Licata ha effettuato un Controllo Straordinario del Territorio, che ha consentito di raggiungere i seguenti risultati: 83 persone controllate; nr. 45 veicoli controllati; nr. 6 posti di controllo; nr.9 contravvenzioni al Codice della Strada; 10 punti della patente decurtati; nr. 10 persone controllate sottoposte a misure; nr. 1 documento ritirato; nr. 1 veicolo sottoposto a fermo amministrativo; nr. 4 esercizi pubblici controllati.

Nel corso della settimana, il medesimo personale ha effettuato una serie di controlli in diversi esercizi commerciali di quel centro cittadino. Sono state accertate ben nove violazioni per musica ad alto volume oltre gli orari consentiti, con l’elevazione di altrettante sanzioni amministrative per un importo di euro 620 ciascuna.

Sempre finalizzati alla medesima strategia, questa volta sul “fronte caldo” della località di San Leone, così come previsto in sede di Comitato Tecnico presso la Questura, personale della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia Locale, ha effettuato dei controlli in diversi esercizi commerciali, anche con l’ausilio di personale dell’ASP che, a bordo di un camper, ha posto in essere un’importante opera di sensibilizzazione e di informazione ai giovani circa le conseguenze dannose conseguenti all’abuso di sostanze alcoliche e stupefacenti.

Durante tale attività, il personale impegnato ha contribuito in modo risolutivo al ritrovamento di un bambino smarrito dai genitori.

L’impegno profuso dalle Istituzioni mediante questi servizi è l’ennesimo esempio della vicinanza a chi frequenta le predette località balneari che diventano pertanto sempre più sicure e vivibili.