Ferragosto, obiettivo “Sicurezza Pubblica”, intervista al Questore e Prefetto (Video)




“Ciò che interessa alle Istituzioni preposte all’ordine, non è l’impedire lo svolgimento di manifestazioni o fuochi d’artificio, interessa la sicurezza pubblica”.

Lo ha dichiarato il questore di Agrigento, Maurizio Auriemma, incontrando i giornalisti alla vigilia del periodo più caldo dell’estate. A ridosso del Ferragosto, oltre 120 chilometri di litorale saranno controllati da Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e Capitaneria di Porto.

Il controllo del territorio rimane demandato alla Polizia Locale e alle amministrazioni comunali.

“Abbiamo incontrato i sindaci dei comuni in cui esistono strutture lungo le spiagge che nella serata di ferragosto vengono prese d’assalto da migliaia i bagnanti – ha spiegato il Questore – la Prefettura ha già diramato le linee guida e i nostri uffici sono al lavoro per dare le risposte giuste a coloro che hanno fatto richiesta di produrre eventi per quella sera. Noi non vogliamo che non ci si diverta, ma alla luce delle direttive impartite dal Ministero degli Interni dopo i fatti di Piazza San Carlo a Torino, devono sussistere tutte le condizioni di massima sicurezza per evitare di mettere a rischio l’incolumità delle persone”.

“Abbiamo incontrato i sindaci per consentire a tutti di trascorrere questo periodo in termini di assoluta serenità – ha spiegato il Prefetto Nicola Diomede – La serenità richiede molte forme di rispetto del buon senso, che ha trovato spazio all’interno di norme ma è il buon senso che deve presiedere a certi comportamenti e tutto potrà andare bene. Da parte nostra non c’è alcuna finalità di carattere “impedito”, anzi c’è la volontà di consentire a tutti di poter andare al mare e di poter godere delle bellezze della nostra terra. E’ un percorso che va avanti passo passo e sono sicuro che quest’anno migliorerà” ha concluso il Prefetto.