Firmato accordo per il rilancio del turismo congressuale ad Agrigento




“Questo è un luogo magico, suggestivo, con potenzialità ancora inespresse. E noi lavoreremo, sin da subito, per delineare un fattivo programma di sviluppo a supporto di questo importante segmento dell’economia”.

E’ l’impegno assunto da Vincenzo Tummiolo,  coordinatore di “Sicilia Convention Bureau”, nota società di marketing, subito dopo avere sottoscritto un accordo di partenariato con il Consorzio Valle dei Tempi per il rilancio del turismo congressuale ad Agrigento. Al suo fianco anche la direttrice operativa della società, Daniela Marino. L’iniziativa, tenutasi a casa Sanfilippo, è stata fortemente voluta dal neo presidente Emanuele Farruggia.

“E’ la mia prima uscita pubblica alla guida del Consorzio – afferma –  e l’ho organizzata sancendo un concreto passaggio,  a mio avviso fondamentale,  convinto, come sono, che oggi le parole non servano più. E’ arrivato il tempo di passare ai fatti, alle azioni. E quella appena formalizzata – aggiunge Farruggia – credo che vada proprio nella giusta direzione, tenuto conto della imminente riapertura del Palacongressi del Villaggio Mosè e della sua nuova gestione “targata” Parco Archeologico. Il direttore Parello, che ci ha onorato della sua presenza alla cerimonia, anche su questo fronte, assieme al Consiglio e al presidente Campo, saprà certamente creare le condizioni per realizzare una seria prospettiva di valorizzazione della struttura con inevitabili ricadute, positive, sull’intera economia agrigentina. Ed è propria in questa ottica che il progetto di oggi si inserisce. Sicilia Convention Bureau studierà, analizzerà e pianificherà, attraverso i suoi esperti di mercato, gli strumenti utili a presentare, alla  sua vasta e qualificata platea di utenti, il Palacongressi in una dimensione nazionale ed internazionale. C’è una battaglia politica però da portare avanti –  conclude Farruggia – spingere la Regione  ad estendere i benefici del 10% dello sbigliettamento da destinare alla gestione del Palacongressi anche per gli anni successivi al 2016. Il Consorzio non farà mancare il proprio sostegno al direttore Parello e all’intera Governance del Parco”.