Gioco d’azzardo: in Italia è sempre più virtuale




Dalle ricerche di alcuni enti, svolte nel corso del 2015 e del 2016, emerge il panorama di un’Italia in cui il gioco d’azzardo è particolarmente diffuso. Secondo alcune stime circa la metà della popolazione gioca d’azzardo almeno una volta all’anno. Le preferenze degli italiani però si stanno rapidamente spostando; se un tempo il giocatore era colui che andava al casinò, grazie ai nuovi regolamenti in merito oggi il giocatore si diverte in internet, senza uscire di casa.

La realtà del gioco in Italia

Si parla molto ultimamente di gioco d’azzardo, senza però fare distinzioni importati, accomunando l’anziano che una volta a settimana si compra un gratta e vinci con il ragazzo che ogni giorno si diverse nei casino disponibili in rete. Si tratta di fenomeni diversi? Per certi versi si, ma in generale no, il gioco d’azzardo è un concetto ampio, che comprende anche le lotterie e i casino fisici presenti sul territorio. La realtà di questo settore così ampio è che negli ultimi anni presenta un aumento della spesa degli italiani di circa il 5-7%, con punte in alcuni anni decisamente molto elevate. In totale gli italiani spendono all’anno più di 90 miliardi nel gioco d’azzardo, stiamo quindi parlando di un mercato molto ricco, e sicuramente proficuo per gli operatori.

La realtà vista da vicino

Se sempre più persone giocano d’azzardo, spendendo mediamente di più ogni anno, è pur vero che non è tutto oro quel che luccica. Ci sono infatti alcuni settori del gioco d’azzardo che mostrano qualche leggero scricchiolio. Come ad esempio i casinò dal vivo in Italia: stiamo parlando di un ristretto numero di locali in cui è possibile avvicinarsi al tavolo verde e puntare sul numero che si preferisce, o anche praticare i più classici giochi di carte. In un settore in pieno sviluppo i casinò italiani arrancano alla ricerca di clienti che non arrivano. Le motivazioni sono varie, anche se sicuramente la possibilità di scommettere su qualsiasi tavolo anche direttamente da internet è una delle principali motivazioni che ha portato allo svuotarsi di queste vere e proprie istituzioni. Oltre a questo sta cambiando fortemente la tipologia di persone che giocano d’azzardo. Se un tempo si trattava di persone benestanti, se non addirittura ricche, pronte a giocarsi grandi quantità di denaro in una singola notte, oggi il giocatore è un normale cittadino, che ha un lavoro più o meno stabile e qualche soldo da parte.

Come si accede ai casinò online

Un’altra motivazione correlata alla crisi dei casinò fisici è anche la rapidità e la facilità con cui si può cominciare a scommettere sui siti legali correlati a questo mondo. Per andare al casinò in Italia si devono fare vari chilometri; se si tiene poi conto che tutti i casinò fisici sono disposti nelle regioni del nord, per buona parte degli abitanti della penisola stiamo parlando di un bel viaggetto. Oltre a quello in genere al casinò si va vestiti in un certo modo e si tende a soggiornare nei pressi, spendendo cifre elevate, trattandosi di luoghi di villeggiatura. Per giocare da un sito internet basta avere una carta di credito, qualche decina di euro e una connessione a internet. Non serve neppure la banda larga, in quanto molti casinò online permettono ai loro clienti di accedere direttamente con lo smartphone o il tablet, tramite una connessione mobile. Inoltre i singoli tavoli sono accessibili in pochi secondi, basta aprire l’app o il sito e si comincia subito a scommettere. Lo si può fare anche in un momento di noia, o mentre si attende un amico in ritardo, senza grandi cerimonie o requisiti.