L’artigianato agrigentino raccontato attraverso scatti artistici: Cna Pensionati inaugura esposizione al Circolo Empedocleo




L’artigianato agrigentino raccontato attraverso gli scatti artistici. A proporre l’evento “I luoghi del lavoro” è la  CNA Pensionati di Agrigento,  in occasione della prima edizione del Premio per le “Arti Visive 2018”, a cura di Nello Basili e Angelo Pitrone.

La mostra aprirà i battenti nel pomeriggio di domenica e potrà essere visitata fino al 20 maggio. Ad ospitarla il Circolo Culturale Empedocleo di via Atenea. La cerimonia di inaugurazione è in programma per le ore 18,30 con gli interventi del segretario della Cna Sicilia, Piero Giglione, con il segretario regionale dei  Pensionati, Mario Filippello, del presidente provinciale di categoria, Francesco Curaba, della segretaria, Lia Spallino, e dei due curatori dell’esposizione. Previsto il contributo del presidente provinciale della Cna di Agrigento, Mimmo Randisi.

Le foto, che documentano il lavoro di alcune aziende che operano nel territorio, sono state realizzate da  Samantha Capitano, Giuseppe Cumbo, Francesco Novara, Kata Papp e Nuccio Zicari. I cinque giovani autori, affidandosi al proprio sguardo, alla propria sensibilità e alla propria poetica, hanno immortalato  immagini emblematiche: obiettivo puntato, in particolare, su  un cantiere navale nel Mediterraneo, a Licata, che produce pescherecci e yacht, su  una azienda agricola, tra Ioppolo e Raffadali, su una giovane restauratrice di opere pittoriche a Canicattì, su un’artista della ceramica a Sciacca e su un falegname intarsiatore a Raffadali.

“Vogliamo mostrare i  “luoghi di lavoro” visti dai fotografi, da un punto di osservazione non usuale – afferma il presidente di CNA Pensionati  Curaba – un’interessante iniziativa culturale rivolta alla valorizzazione del mondo lavoro, una realtà che coinvolge tutti, e all’approfondimento del reportage di indagine sociale ed economica e della fotografia contemporanea”.

Il Premio si avvale dell’organizzazione del Centro Studi Erato e della collaborazione del Circolo Culturale Empedocleo e con la rivista “Office delle Arti” media partner.