Operai morti a Naro: Montenegro, momento di grande dolore




“In questo momento di grande dolore sento di esprimere la mia vicinanza e la mia solidarieta’ alle famiglie di Francesco e Gaetano che vivono in prima persona la tragedia della scomparsa dei loro cari, come anche alle comunita’ di Naro e di Favara. In momenti come questi nessuna parola umana riesce a colmare il vuoto che lasciano questi nostri fratelli, morti improvvisamente e’ tragicamente, ne’ tantomeno a dare consolazione. Per questo abbiamo bisogno di rivolgerci al Signore per sentire le sue parole e sperimentare la sua paternita’ soprattutto in una prova come quella che stiamo vivendo oggi”.

E’ il messaggio del cardinale Francesco Montenegro, letto dal vicario generale monsignor Melchiorre Vutera, durante i funerali, oggi pomeriggio nella chiesa Sant’Agostino di Naro, di Francesco Gallo e Gaetano Cammilleri, gli operai morti mentre stavano effettuando lavori di manutenzione agli impianti idrici della diga Furore di Naro.

“Cosi’ – prosegue – leggiamo nella sacra scrittura: ‘Dio non ha creato l’uomo per la morte ma lo ha creato per l’esistenza’ e ancora: ‘Dio mi strappera’ dalla mano della morte’. Carissimi fratelli e sorelle, mentre affidiamo l’anima di Francesco e Gaetano all’amore misericordioso del Padre celeste, preghiamo per i loro familiari perche’ il Signore doni loro consolazione e cristiana speranza, ma preghiamo anche per noi perche’ la nostra fede non venga mai meno soprattutto dinnanzi al mistero grande della morte. Mentre offro la mia preghiera a Dio Padre per Francesco e Gaetano benedico tutti di cuore”.