Pedofilo recidivo di nuovo a giudizio




Inizia il processo di appello al pizzaiolo agrigentino Vincenzo Iacono, 46 anni, accusato di violenza sessuale ai danni di due ragazzine di Aragona. Il giudizio di secondo grado è stato fissato per l’11 maggio davanti alla quarta sezione penale di Palermo. L’imputato in primo grado è stato condannato a 6 anni e 6 mesi con il rito abbreviato. La vicenda suscitò una bufera con l’invio degli ispettori da parte dell’allora ministro della Giustizia Luigi Scotti. Iacono, a dispetto della sentenza di primo grado, era libero con il solo obbligo di firma. I termini di custodia cautelare erano scaduti in quanto le indagini sarebbero proseguite a rilento per effetto del ritardo con cui i Ris avrebbero consegnato alla Procura una perizia effettuata su un lenzuolo su cui, nel luglio del 2004, si sarebbe consumato lo stupro ai danni delle bimbe di 8 e 11 anni. La mattina del 14 febbraio dello scorso anno, pochi giorni dopo la sentenza di condanna, avrebbe compiuto degli abusi ai danni di una bimba di 4 anni: per questo fatto è stato condannato a 9 anni di carcere.