Porto Empedocle: continue emergenze per le discariche abusive create dai cittadini - AgrigentoWeb.it

Porto Empedocle: continue emergenze per le discariche abusive create dai cittadini

.


Prosegue a Porto Empedocle, l’intervento quotidiano degli operatori ecologici di Isesa, Icos ed Ecoin, per decespugliare e ripulire dalle sterpaglie l’intero centro urbano e le zone dei lidi, che soprattutto nei fine settimana, sono già diventati meta di turisti e residenti.

Un intervento importante in vista dell’ormai imminente avvio della stagione estiva e balneare che fa di Porto Empedocle e dei suoi lidi, un punto di riferimento per migliaia di villeggianti.

Solo una settimana addietro, inoltre, era stata bonificata l’area portuale che dalla caserma dei Carabinieri di Porto Empedocle e dell’intera statale che conduce fino in località Caos, altra zona molto frequentata dai turisti. Un’intera mattinata di lavoro che si era resa necessaria dall’opera incessante di alcuni incivili che non hanno ancora capito come come si effettua la raccolta differenziata o che, comunque, non hanno alcuna voglia di farla. Sabato scorso, quintali di spazzatura erano stati raccolti con l’ausilio di mezzi speciali, dopo che il sindaco empedoclino Ida Carmina aveva fatto espressa richiesta alle imprese dell’Ati affinchè si effettuasse una bonifica dell’intera area, il tutto in attesa che vengano montate quanto prima le telecamere per monitorare la zona e multare gli incivili.

Una soluzione da estendere anche alle zone limitrofe al comune di Porto Empedocle. Nella zona del Caos, Monserrato e Villaseta, passaggio obbligato per molti automobilisti dopo la chiusura del viadotto Morandi, è possibile notare quotidianamente enormi cumuli di immondizia lasciata fuori dai cassonetti. Il sospetto è che vengano abbandonati

“Quello dell’abbandono selvaggio dei rifiuti per strada o accanto i cassonetti per la raccolta degli abiti usati – spiega l’amministratore delegato di Iseda Giancarlo Alongi – rimane uno dei problemi con sui sia noi come aziende che l’amministrazione comunale, siamo chiamati ad affrontare quotidianamente. Non è infatti più ammissibile che intere zone della città, specie le periferie o i marciapiedi delle zone balneari, vengano trasformate in discariche dalla sera alla mattina. Il lavoro degli operatori ecologici, delle aziende in generale e del Comune, viene vanificato da alcuni incivili che non hanno chiaro il senso del rispetto per l’ambiente e per il lavoro degli altri”.

Nel Comune empedoclino infatti, nonostante i dati generali sul servizio, parlino di una percentuale di differenziata che spesso raggiunge anche il 70 per cento, si continuano a registrare episodi di inciviltà ad opera di singoli cittadini e di qualche commerciante che non ha ancora “sposato” la causa del porta a porta.

“Ci confrontiamo ogni giorno con questo genere di atti di vera inciviltà  – aggiunge Alongi –  siamo sempre più convinti che servano interventi precisi e mirati che facciano da deterrente per questi episodi”.

Intanto, per chi non lo avesse ancora fatto, è tutt’ora possibile ritirare ill materiale per effettuare il porta a porta sia a Porto Empedocle che a Realmonte, nei locali dell’ufficio per la raccolta differenziata di via Lincoln 12 a Porto Empedocle aperto dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15.30 alle 18 e il sabato dalle 9 alle 13. Il numero di telefono di riferimento è lo 0922.636013.

You must be logged in to post a comment Login