Rifiuti, città sporca e netturbini sfiniti




La città sommersa di rifiuti come non lo è mai stata. La rabbia e la delusione dei cittadini cresce sempre più. Agrigento, che doveva essere eletta “Capitale della Cultura”, al di là delle pecche “regionali” che hanno causato il rallentamento nella raccolta, oggi è l’emblema dell’incapacità di setacciare il territorio alla ricerca degli sporcaccioni e degli evasori.

All’evidente incapacità amministrativa, si somma quella del cittadino che si rifiuta di dare il proprio contributo e che disperde nell’ambiente in cui vive, tonnellate di immondizia e danneggia se stesso (lo capiscono?).

Le foto che pubblichiamo, e che ci sono state inviate al nostro numero whatsapp 3920041016, parlano da sole.

Domani, eccezionalmente di domenica, sarà raccolto il “secco”. Dalla prossima settimana i disagi proseguiranno perché il personale delle società che si occupano della raccolta, costretto a turni asfissianti, lavorerà di meno.