Stagione balneare: incontro tra Hamel e i consiglieri seconda commissione




La situazione igienico-sanitaria a San Leone in vista dell’imminente inizio della stagione balneare è stata affrontata nel corso di un incontro tra i consiglieri Giacalone, Monella e Gibilaro, componenti della seconda commissione consiliare permanente e l’assessore con delega all’ambiente Hamel.

Quest’ultimo nel suo intervento ha evidenziato il crono programma che, pur non prevedendo nessun incremento di personale per il periodo estivo e tuttavia, tenuto conto che è indispensabile trovare delle soluzioni per tutto il territorio di San Leone, prevede un intervento di decespugliamento già in atto che sarà completato entro il prossimo 8 giugno. Inoltre sette lavoratori civici saranno destinati alla raccolta di scarti che costantemente vengono abbandonati su panchine, aiuole e luoghi di frequenza mentre quattro operai delle ditte appaltatrici cureranno lo spazzamento dei luoghi.

Il servizio di pulizia delle spiagge è già avviato e si sta completando la prima fase che consiste nel rivoltare la sabbia per poi continuare con una pulizia con pettini stretti. Sull’arenile saranno collocati i cassonetti e quattro persone, facenti parte del progetto sottoscritto con lo SPRAR, cureranno la raccolta dei rifiuti sparsi. Partirà inoltre un servizio di raccolta dei sacchetti sparsi sulla spiaggia. Dopo il 25 di giugno saranno avviati due progetti per servizi civici, di cui uno a San Leone, che occuperà venti lavoratori.

Infine per venire incontro alle esigenze dei ristoratori si curerà il ritiro giornaliero dell’umido compatibilmente con gli obblighi contrattuali presi. Alla luce di quando prospettato dall’assessore Hamel, il consigliere Gibilaro ha sottolineato come:”la situazione igienico-sanitaria a San Leone è al collasso e che la commissione ha invitato l’amministrazione a predisporre interventi di qualsiasi natura a tutela del decoro urbano, della pubblica e privata incolumità nonché di pubblica sanità”.

Per il consigliere Gibilaro questi appelli sono rimasti disattesi. La consigliere Monella, nel corso dell’incontro, ha ricordato di avere: “sollecitato più volte l’amministrazione stimolando interventi adeguati in relazione alla differenziata, spazzamento e decespugliamento con l’obiettivo di restituire il meritato decoro alla città e che è indispensabile che la seconda commissione consiliare permanente abbia piena conoscenza dello stato dell’arte per sapere quali impedimenti sono alla base delle criticità rilevate”. I consiglieri Gibilaro e Monella hanno chiesto al presidente della commissione, Giacalone di predisporre una richiesta urgente di diffida nei confronti dell’amministrazione rispetto alle condizione igienico-sanitarie in cui versa San Leone. Tale richiesta è stata fatta propria dal presidente che ha dichiarato che: “quanto manifestato dall’assessore Hamel non soddisfa la problematica posta in discussione e che è chiaro che l’amministrazione non riesce a trovare una immediata soluzione che il caso impone, lasciando San Leone abbandonata a se stessa”.