“Stipendi spezzati”, eseguite quattro misure cautelari




I Carabinieri della Compagnia di Licata, al termine di complessa attività d’indagine, hanno eseguito un’Ordinanza applicativa di misure cautelari emessa dal G.I.P. del Tribunale di Agrigento, su richiesta della locale Procura della Repubblica, all’esito dell’operazione denominata “Stipendi Spezzati”, che ha interessato alcuni appartenenti della “Cooperativa Sociale SUAMI – ONLUS”.
Sono state tratte in arresto due persone ed applicate altre due misure cautelari di “Obbligo di dimora” ed “Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria”.

Agli arresti domiciliari sono stati posti: Salvatore Lupo, 41 anni, ex presidente del consiglio comunale di Favara e la moglie Maria Barba di 35 anni. Obbligo di dimora a Licata per Caterina Federico di 34 anni e obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per Veronica Sutera Sardo, 30 anni, di Agrigento.

I particolari dell’attività svolta, verranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 12.30 odierne presso la sede del Comando Provinciale Carabinieri di Agrigento.