Tentato omicidio in Belgio, arrestati due favaresi




La Polizia di Stato in data odierna ha tratto in arresto Mario Rizzo, 32 anni ed il di lui cognato Gerlando Russotto, 29 anni, entrambi di Favara, in esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano.

A Rizzo la misura restrittiva è stata notificata in carcere, poiché già recluso per altra causa, mentre Gerlando Russotto è stato catturato presso la sua abitazione di Favara dal personale della Squadra Mobile di Agrigento, diretta da Giovanni Minardi.

I due uomini sono ritenuti responsabili di avere partecipato al tentato omicidio ai danni di Saverio Sacco, avvenuto in Belgio il 28 aprile 2017, nonché di detenzione illegale di armi clandestine. A Mario Rizzo viene contestata, altresì, l’introduzione nello Stato di armi clandestine, mentre a Gerlando Russotto è stata addebitata l’illecita detenzione di armi, un fucile a pompa ed una pistola cal. 7.65, e di numerose munizioni, rinvenute dalla Squadra Mobile lo scorso 29 maggio, nel sottotetto condominiale dell’abitazione dello stesso Russotto. Le investigazioni della Squadra Mobile hanno altresì permesso di contestare al Russotto la ricettazione del fucile a pompa, risultato oggetto di furto, lo scorso 8 gennaio, ai danni della Polizia Provinciale di Agrigento.

 

Secondo quanto indicato nell’ordinanza i due cognati avrebbero partecipato al tentato omicidio avvenuto in Grace-Hollogne (Belgio) ai danni di Saverio Sacco, in correità con Salvatore Prestia, 38 anni, di Porto Empedocle, soggetto già tratto in arresto, sempre dalla Squadra Mobile di Agrigento, il 15 luglio 2017, in esecuzione di un Mandato di Arresto Europeo, emesso dalle autorità belghe per il medesimo fatto reato. L’attività investigativa, incardinata presso la Procura della Repubblica di Agrigento diretta da Luigi Patronaggio, fa parte di un procedimento penale seguito dal Procuratore Aggiunto Salvatore Vella e dai Sostituti Procuratori della Repubblica Simona Faga ed Alessandra Russo. Gerlando Russotto, dopo le formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Agrigento.