Un magnete nel contatore “Enel”, arrestato pasticcere empedoclino




I carabinieri della Stazione di Porto Empedocle, hanno tratto in arresto per furto di energia elettrica, Raimondo Fede, di anni 29, commerciante.
Fede, titolare di un esercizio commerciale, si è approvigionato illecitamente di energia elettrica, mediante l’utilizzo fraudolento di un “magnete”.
Eludendo la regolare misurazione e contabilizzazione della fornitura viziata dalla presenza di suddetto sistema, si garantiva un risparmio sulla fornitura pari al 94,4% della potenza complessivamente erogata.