Volontari di strada, torna la “Lotteria della solidarietà”




Una trentina di sponsor per un totale di ben 28 premi da assegnare. Sono i numeri della Lotteria della Solidarietà, partita da alcuni giorni, che anche quest’anno, in prossimità delle festività natalizie, lancia l’Associazione Onlus Volontari di Strada di Agrigento, presieduta da Anna Marino.

Sono oltre tremila i biglietti stampanti al costo di due euro ciascuno, per portare fondi nelle casse dell’Associazione.
Una iniziativa benefica, la Lotteria della Solidarietà, che, al pari di tante altre promosse dall’Associazione Volontari di Strada sta riscuotendo successo tra gli agrigentini che dimostrano ancora una volta di possedere un gran cuore e di essere particolarmente sensibili alle tematiche della solidarietà e della beneficenza.
Come detto, sono una trentina gli sponsor che hanno raccolto l’appello lanciato dalla presidente Anna Marino e ben 28 i premi messi in palio. Citiamo solo i primi cinque: 1) un viaggio per due persone, dall’8 al 10 Marzo, a Taormina in occasione della Giornata delle Donne; 2) uno Smartphone Samusng Galaxi; 3) un percorso di benessere in una Spa; 4) un paio di occhiali da sole; 5) Cesta di prodotti dolciari.
Tra gli altri premi, gioielli, orologi, prodotti alimentari, libri, cene in pizzerie e ristoranti ed tanti ancora.

L’estrazione dei premi avverrà il 27 dicembre prossimo, alle 17,30, nella sede dell’Associazione dei Volontari di Strada, al Viale della Vittoria, 313.

I biglietti potranno essere prenotati e ritirati direttamente nella sede dell’Associazione, telefonando al numero 329-4155467.

Dichiarazione della Presidente Anna Marino: “Anche quest’anno abbiamo voluto dare un senso al Natale organizzando la Lotteria della Solidarietà. E come sottotitolo abbiamo scelto: Acquista anche tu il biglietto e aiuterai chi ha bisogno. La nostra associazione, che opera nel territorio agrigentino da un lustro, aiuta quasi 160 famiglie. Ma, purtroppo, non è mai abbastanza. Ecco perché ancora una volta facciamo appello agli agrigentini, che nei nostri confronti sono stati sempre generosi, perché acquistino i biglietti”.